Battaglie Sociali, 15-30 gennaio 1977, pag. 1

 

CHIAREZZA NECESSARIA

 

Si è parlato spesso della stampa come di un "quarto potere" cui è affidato un ruolo fondamentale, di orientamento e di sintesi nello stesso tempo, dell'opinione pubblica. In una società democratica questo ruolo viene ancora più esaltato dal fatto che ogni organo di stampa, per quanto indipendente, assume la rappresentanza dell'una o dell'altra componente ideologica, politica o culturale od economica offrendo ad essa una voce, uno strumento di collegamento con il paese reale.
Perciò è preferibile che in ogni società, anche in quella bresciana, vi siano più testate al fine di garantire il pluralismo della informazione, componente fondamentale di una democrazia radicata nel tessuto sociale. Ne possono derivare letture degli avvenimenti diverse, a seconda degli obiettivi che il giornale si pone, ma tutte utili alla dinamica democratica, se aliene da impostazioni settarie superficiali o deliberatamente false.
La lettura che il giornale "Bresciaoggi Nuovo" offre ai suoi lettori dei fatti e degli avvenimenti delle ACLI bresciane pare proprio improntata a questi ultimi criteri: valga come esempio la pubblicazione in terza pagina sul numero del 25 gennaio di una pretesa "recensione" a firma Maurilio Lovatti del libro "I cattolici nella vita politica bresciana" che si risolve in un libello antiaclista oltre che in un saggio di ignoranza sulla storia del nostro Movimento.
Se l'atteggiamento del Lovatti, consigliere provinciale del Movimento nominato in rappresentanza di Gioventù Aclista, è spiegabile come una vendetta nei confronti di chi lo ha deferito al Collegio dei probiviri per un grave attacco alla autonomia delle ACLI, risulta difficile comprendere perché un giornale come "Bresciaoggi" offra spazio per simili libelli assolutamente privi di dignità, impastati di faziosità ed ignoranza.
Un esempio al quale si potrebbe aggiungere la pubblicazione a puntate di estratti del giornaletto del Circolo ACLI di Rezzato, citandone le parti meno in sintonia con gli orientamenti complessivi del Movimento.
A chi giova questo? Al pluralismo della informazione o al tentativo di creare confusione attorno alle ACLI bresciane nel momento in cui queste hanno recuperato la loro identità di Movimento cristianamente ispirato che opera in consonanza con la comunità ecclesiale diocesana?
Questo non è più solo "pluralismo dei sospiri" ma integralismo settario, fazioso e poco intelligente. E come tale diseducante ed elemento di disgregazione della democrazia.

Sandro Albini

 

vai al documento successivo

 

torna a:

Maurilio Lovatti - indice polemica aclista

Maurilio Lovatti - indice scritti vari

Maurilio Lovatti - indice scritti di storia locale

Maurilio Lovatti - home page