La voce del popolo, 23 dicembre 2015, pag. 6

CREATO

 

 

 

Bicchiere mezzo pieno

 

di Maurilio Lovatti 

 

La metafora del bicchiere mezzo pieno non tramonterÓ mai. Quando si tratta di decisioni complesse e di grande importanza storica, come sono quelle assunte a Parigi dalla conferenza ONU sul clima, Ŕ difficile valutare l'importanza degli indubbi risultati ottenuti rispetto a quanto si poteva realisticamente fare di pi¨. Un primo dato positivo Ŕ che hanno partecipato 190 Paesi, pari a circa il 90% delle emissioni carboniche totali. E' un segno dell'enorme crescita della consapevolezza del pericolo del riscaldamento globale del pianeta.
Quali risultati sono stati raggiunti? Gli Stati partecipanti s'impegnano a contenere l'incremento della temperatura media al di sotto dei 2 gradi rispetto all'era pre-industriale, con un ulteriore impegno a fare quanto possibile per limitare l'incremento a 1,5 gradi. Inoltre i Paesi che sottoscrivono l'accordo di Parigi s'impegnano a comunicare periodicamente i progressi raggiunti. Una prima verifica dei risultati Ŕ prevista per il 2023, mentre quelle successive avverranno ogni 5 anni. I Paesi sviluppati s'impegnano a rendere disponibile un fondo da 100 miliardi di dollari l'anno a sostegno dei paesi in via di sviluppo impegnati nella lotta al cambiamento climatico. Infine l'articolo 8 del documento definisce l'impegno comune a contrastare gli effetti del cambiamento climatico, con l'invito a sostenere lo sviluppo di sistemi di allerta, di pianificazione degli interventi e di valutazione del rischio.
L'accordo raggiunto a Parigi si pone come pietra miliare nella lotta ai cambiamenti climatici. Per la prima volta infatti una parte degli impegni inseriti nel documento finale sarÓ vincolante per i Paesi aderenti. Gli ambiziosi obiettivi fissati dall'accordo di Parigi potranno essere raggiunti solo attraverso l'adozione di un nuovo modello di sostenibilitÓ energetica. L'obiettivo di limitare l'incremento della temperatura media del pianeta passa inevitabilmente attraverso un progressivo azzeramento delle emissioni di gas serra, tramite la produzione d'energia da fonti rinnovabili.
Il limite principale dell'accordo Ŕ che non sono previste sanzioni per gli inadempienti: tutti gli Stati, ogni cinque anni, dovranno presentare i loro risultati sulla riduzione dei gas clima-alteranti. E' un meccanismo d'autocertificazione che potrebbe non essere efficace anche per la mancanza di sanzioni. A Kyoto, per esempio, l'Italia doveva ridurre le sue emissioni del 6,5%. In quest'accordo, invece, non ci sono tetti d'emissione. Tanto che, nel patto di Parigi, viene semplicemente chiesto di raggiungere il picco d'emissioni "il prima possibile".

 

Maurilio Lovatti

 

La voce del popolo, 23 dicembre 2015, pag. 6

 

 

 

indice degli articoli

Maurilio Lovatti home page

Maurilio Lovatti main list of papers