La voce del popolo, 2 febbraio 2012, pag. 6

OPINIONI

 

 

Ambiente

Acque non depurate

 

di Maurilio Lovatti 

 

 Leggevo qualche settimana fa sul Sole 24 Ore una notizia sorprendente: fra pochi mesi la Corte di giustizia europea multerà i comuni italiani che non hanno realizzato adeguati impianti di depurazione delle acque, in violazione della normativa vigente. Il Lussemburgo è stato già multato con 2,2 milioni di euro per tre piccoli impianti non in regola, ora è la volta dell'Italia.
Non mi sono stupito nel leggere che la Sicilia sarà la Regione più multata. Un poco più sorprendente è che nel Nord Italia la Lombardia è la Regione che dovrà pagare di più, insieme al Veneto. La prime multe dovrebbero effettivamente arrivare prima della prossima estate. Secondo la Corte di giustizia, in Lombardia 36 agglomerati urbani, con più di 10 mila abitanti ciascuno, hanno trascurato la depurazione delle acque e negato sicurezza ai cittadini, aggirando la richiesta dell'Unione di ridurre l'inquinamento di fiumi e laghi. Si parla di un miliardo di multa, oltre a 10 milioni per ogni impianto non realizzato, l'Europa prevede 200 mila euro per ogni giorno trascorso senza provvedimenti. Due anni fa l'UE ha informato il ministero dell'Ambiente dell'avviata procedura, con la richiesta di fornire l'elenco preciso degli agglomerati inadempienti. Una volta ricevuto il documento dall'Italia, la Commissione ha messo in mora gli enti locali, per poi passare il dossier alla Corte di giustizia, un anno fa. La Commissione ha puntato prima sui territori non dotati di depurazione, che scaricano direttamente nei fiumi e nei laghi, e su quelli che hanno impianti inefficienti. In Lombardia saranno sanzionati almeno 36 agglomerati, in pratica circa 150 amministrazioni, a meno che l'Europa non voglia riprendere in mano i 55 precedenti dossier, che erano stati valutati nelle fasi preliminari. Sul banco degli imputati ci sono solo società pubbliche, perché non ci sono operatori privati. In provincia di Brescia, sempre secondo il quotidiano economico, i maggiori imputati sono i Comuni di Chiari, Orzinuovi, Flero e quelli della zona del Sebino.
Addolora vedere come le spese per ridurre l'inquinamento delle acque finiscano sempre in coda, quasi che interventi di questo genere siano un lusso e non una necessità per tutelare la salute e il benessere di tutti. Per colpa di queste inadempienze, importanti risorse che potevano essere usate per proteggere l'ambiente saranno sprecate per pagare le sanzioni.

 

Maurilio Lovatti

 

La voce del popolo, 2 febbraio 2012, pag. 6

 

 

indice degli articoli

Maurilio Lovatti home page

Maurilio Lovatti main list of papers