Bresciaoggi,  domenica 6 marzo 1977, pag. 4 

 

Le Acli sospendono un iscritto

 

 

Maurilio Lovatti, iscritto dal 1974 all'Associazione cristiana dei lavoratori italiani, è stato sospeso per un anno dalle Acli "con decadenza dalle cariche ricoperte a qualsiasi titolo"; questa la sentenza emessa dal collegio bresciano dei probiviri e a cui Lovatti s'è già opposto ricorrendo al collegio nazionale.
La sentenza definitiva è prevista per la fine di aprile.
Maurilio Lovatti era presidente del circolo Acli Don Mazzolari; membro del coordinamento Acli a livello cittadino; del direttivo provinciale di Gioventù aclista e membro del comitato provinciale di G.A. Faceva anche parte del consiglio provinciale delle Acli.
La motivazione della sentenza - pubblicata dalla stampa aclista bresciana - ha riferito a fatti ritenuti "gravemente e palesemente lesivi dell'autonomia del movimento aclista, sancita dai congressi di Torino e Cagliari, e deplorevoli nei confronti della corretta convivenza fra iscritti di un movimento operaio cristiano."

 

vai al documento successivo

 

torna a:

Maurilio Lovatti - indice polemica aclista

Maurilio Lovatti - indice scritti vari

Maurilio Lovatti - indice scritti di storia locale

Maurilio Lovatti - home page