Franco Gheza - Maurilio Lovatti
 Lavoro e politica. Il circolo culturale Michele Capra a Brescia (1958-1989),
 Fondazione Civiltà Bresciana, Brescia 2017, pag. 263

Introduzione di Roberto Rossini, presidente nazionale delle ACLI

 

 

Corriere della Sera (Brescia), 14 gennaio 2018, p. 7

Gli anni del Circolino

Un volume ripercorre la storia della sinistra DC bresciana

Massimo Tedeschi

 

La fine rovinosa e traumatica della Prima Repubblica ha abraso dalla memoria collettiva tante vicende cruciali che rimandano alla vita e al ruolo dei partiti: sono andati dispersi ar­chi­vi e documen­ti, so­no fi­ni­ti of­fu­sca­ti ri­cor­di e me­ri­ti. So­lo do­po un quar­to di se­co­lo va pren­den­do for­ma un lo­de­vo­le sfor­zo di re­cu­pe­ro: di car­te, di vi­cen­de, di ar­chi­vi, di sto­rie.
Si col­lo­ca in que­sto qua­dro il la­vo­ro che va ascrit­to al me­ri­to, al­la pa­zien­za e al­la pas­sio­ne di Franco Ghe­za, stu­dio­so della sto­ria sin­da­ca­le bre­scia­na, e Mau­ri­lio Lo­vat­ti, da tem­po im­pe­gna­to in una pre­zio­sa ri­co­gni­zio­ne di fi­gu­re e vi­cen­de del mon­do cat­to­li­co bre­scia­no del No­ve­cen­to. In attesa che si rie­sca a met­te­re ma­no a una or­ga­ni­ca sto­ria della Dc bre­scia­na van­no ac­col­te con favore le ri­cer­che che – co­me que­sta – met­to­no a fuo­co la vi­cen­da di una del­le com­po­nen­ti in­ter­ne, una del­le or­mai vi­tu­pe­ra­tis­si­me «cor­ren­ti» della Dc.
Ghe­za e Lo­vat­ti, in par­ti­co­la­re, si oc­cu­pa­no di quel seg­men­to della cor­ren­te di For­ze Nuo­ve, na­ta nei pri­mi an­ni Ses­san­ta, che fa­ce­va ca­po a espo­nen­ti po­po­la­ri pro­ve­nien­ti dall’espe­rien­za di ACLI e CISL: com­po­nen­te che tro­vò sin­te­si pri­ma nel Cen­tro stu­di Achil­le Gran­di poi nel Cir­co­lo cul­tu­ra­le Mi­che­le Ca­pra. In ger­go po­li­ti­co e gior­na­li­sti­co que­sta espe­rien­za fu me­glio co­no­sciu­ta co­me «Circo­li­no», for­se per via del­le di­men­sio­ni della se­de di vi­co­lo San Cle­men­te 25/A. Intenzionalmen­te il la­vo­ro non ab­brac­cia tut­ta la sto­ria del «Cir­co­li­no»: re­sta in at­te­sa di una compiu­ta ri­co­gnizio­ne la stagione della crisi po­li­ti­co-am­mi­ni­stra­ti­va che in­ve­stì il Co­mu­ne di Brescia fra il 1990 e il 1994. La ri­cer­ca di Lo­vat­ti e Ghe­za par­te da mol­to lon­ta­no e si ar­re­sta un pas­so prima di quella stagione. Par­te dal pe­rio­do de­ga­spe­ria­no che, fi­no al 1953, non pre­ve­de­va né ammet­te­va cor­ren­ti in­ter­ne. Evi­den­zia poi co­me per­si­no le bio­gra­fie, le co­mu­ni espe­rien­ze formative, con­giu­ras­se­ro a crea­re le­ga­mi che so­no poi du­ra­ti una vi­ta fra i lea­der di que­sta cor­ren­te. Gio­van­ni Lan­di e Egi­dio Pa­pet­ti si for­ma­no, ado­le­scen­ti, al­la scuo­la di don Gue­ri­no Fran­zo­ni nel “bor­go rosso” di Sant’Eu­fe­mia. Fran­co Ca­strez­za­ti spe­ri­men­ta una mi­li­tan­za to­ta­liz­zan­te ne­gli an­ni in cui i gio­va­ni at­ti­vi­sti dor­mi­va­no su bran­de di­spo­ste sul­la sof­fit­ta di via To­sio, nel­la se­de del partito. Miche­le Ca­pra e Ma­rio Fai­ni in­du­ce­va­no que­sti ra­gaz­zi a leg­ge­re di tut­to: te­sta­te cat­to­li­che e giorna­li lai­ci, da Il Pon­te a Il Mon­do, da Po­li­ti­ca ad Ag­gior­na­men­ti so­cia­li. Let­tu­re vo­ra­ci e disordina­te, for­ma­ti­ve e il­lu­mi­nan­ti che si som­ma­va­no al­le parole-gui­da di pa­dre Giu­lio Be­vilac­qua e del teo­lo­go Tul­lo Gof­fi. Per com­pren­de­re la ge­ne­si di que­sta com­po­nen­te de­mo­cri­stia­na (altrimenti det­ta dei “bo­dra­tia­ni”) e i suoi ap­pro­di è in­di­spen­sa­bi­le ca­pi­re co­sa ac­cad­de, in un trenten­nio, nel­le isti­tu­zio­ni cat­to­li­che, nel­le ACLI, nel­la CISL (e so­prat­tut­to la FIM CISL), in Azione cat­to­li­ca. Una ta­stie­ra am­pia, fi­no ad ora la­cu­no­sa, in cui Ghe­za e Lo­vat­ti col­ma­no mol­ti vuo­ti e rias­su­mo­no ef­fi­ca­ce­men­te i no­di es­sen­zia­li. Cer­to col­pi­sce con­sta­ta­re co­me fos­se par­te­ci­pa­ta la vi­ta as­so­cia­ti­va di un’epo­ca (fra la fi­ne de­gli an­ni Cin­quan­ta e i Ses­san­ta) in cui i tre com­po­nen­ti della se­gre­te­ria FIM CISL ar­ri­va­va­no a to­ta­liz­za­re 686 riu­nio­ni in fab­bri­ca in due an­ni, l’Azio­ne Catto­li­ca con­ta­va 62mi­la iscrit­ti e le Acli 178 cir­co­li con 18mi­la iscrit­ti. È a que­sto re­tro­ter­ra che biso­gna rian­da­re per com­pren­de­re de­ci­sio­ni stra­te­gi­che e scel­te tat­ti­che, ini­zia­ti­ve cul­tu­ra­li e pratiche po­li­ti­che di un grup­po di­ri­gen­te im­mu­ne da scis­sio­ni in­ter­ne (di­ver­sa­men­te da tut­te le al­tre cor­ren­ti) se si esclu­de il di­vor­zio av­ve­nu­to nel giu­gno 1971 den­tro For­ze Nuo­ve fra il nu­cleo che face­va ca­po ai fra­tel­li San­dro ed Elio Fon­ta­na e quel­lo – ap­pun­to – che si ag­gre­gò nel «Cir­co­li­no». Ol­tre al­la coe­sio­ne e al­la con­so­nan­za biografica, un al­tro ele­men­to es­sen­zia­le per ca­pi­re la vi­cen­da di que­sto grup­po di­ri­gen­te è il le­ga­me con l’espe­rien­za di fab­bri­ca, la mi­li­tan­za sin­da­ca­le, il rapporto con ce­ti po­po­la­ri in pre­va­len­za ur­ba­ni, le fre­quen­ta­zio­ni con un cle­ro che a que­sta esperien­za af­fi­da­va spe­ran­ze di au­ten­ti­ca pro­mo­zio­ne uma­na. Uno de­gli ele­men­ti pro­ble­ma­ti­ci, nell’ali­men­ta­re que­sta espe­rien­za, è rap­pre­sen­ta­to non a ca­so dall’ac­cen­to po­sto sem­pre più nettamen­te sull’au­to­no­mia dell’as­so­cia­zio­ni­smo e del sin­da­ca­to ri­spet­to al­la Dc: un’au­to­no­mia che non ha ri­guar­da­to al­tre for­ze po­li­ti­che ma che, nel ca­so della Dc, ha in­ter­rot­to ca­na­li vi­ta­li e un’essen­zia­le cir­co­la­zio­ne di lin­fa idea­le. Sul pia­no più stret­ta­men­te po­li­ti­co il «Cir­co­li­no» ha sempre rap­pre­sen­ta­to l’ala si­ni­stra del par­ti­to pur vi­ven­do rap­por­ti com­pli­ca­ti con la si­ni­stra politica, la si­ni­stra di «Ba­se», e non di­sde­gnan­do più vol­te al­lean­ze con la com­po­nen­te mo­de­ra­ta prandinia­na sia che si trat­tas­se di va­ra­re se­gre­te­rie cit­ta­di­ne, se­gre­te­rie pro­vin­cia­li o qua­ter­ne elettora­li per Mon­te­ci­to­rio. La ri­co­stru­zio­ne di Lo­vat­ti e Ghe­za, sia det­to per in­ci­so, evi­den­zia co­me l’in­tro­du­zio­ne del­le li­ste bloc­ca­te senza pre­fe­ren­ze ab­bia se­gna­to un’in­vo­lu­zio­ne, e un ele­men­to di cri­ti­ci­tà, nel tas­so di de­mo­cra­zia in­ter­na nel­la vi­ta della DC. Un da­to che fa ri­flet­te­re, lad­do­ve lo stes­so metodo è sta­to este­so all’ele­zio­ne dell’in­te­ro par­la­men­to.

 

 

Indice del volume

 

Presentazione di Massimo Tedeschi    pag. 7   pag. 8   pag. 9

Introduzione di Roberto Rossini, presidente nazionale ACLI   pag. 10  pag. 11   pag. 12   pag. 13   pag. 14

 

 

 

 

 

 

 

Franco Gheza - Maurilio Lovatti
 Lavoro e politica. Il circolo culturale Michele Capra a Brescia (1958-1989),
 Fondazione Civiltà Bresciana, Brescia 2017, pag. 263

Introduzione di Roberto Rossini, presidente nazionale delle ACLI

 

 

 

 

 

Maurilio Lovatti Home Page

 

Maurilio Lovatti Indice generale degli scritti

 

Maurilio Lovatti Scritti di storia locale