Franco Manni

 

 

Recensione del film

 

 

La morte corre sul fiume

 

Titolo originale : The Night of the Hunter

 

CAST

Robert Mitchum * Shelley Winters * Lilian Gish * Evelyn Warden * Peter Graves * James Gleason

USA 1955 * dura 93 minuti * bianco e nero

 

 

 

 

 

 

L'apparenza inganna .

Una stessa cosa - la religione - viene ad avere due significati opposti . La Bibbia infatti viene citata ai bambini sia dal pastore psicopatico che vuole ucciderli sia dalla fattoressa che  vuole salvarli . L'apparenza č ambigua e inganna. Anche la condanna della "sessualitā" ha due significati opposti nel Pastore e nella Fattoressa : il Pastore la condanna ipocritamente allo scopo di nascondere alla nuova moglie il fatto che il loro non č un vero matrimonio (non c'č amore) e forse la propria impotenza sessuale , la Fattoressa la condanna nella figlia adottiva pių grandicella in cerca di avventure perchč capisce che per lei la sessualitā non č sana e serve solo a sedare un buco esistenziale di abbandono , non la emancipa in un rapporto umano ma piuttosto l'asservisce agli abusi cinici di coloro a cui non importa affatto di lei e del suo bisogno di amore.

Strano il giovane e biondo padre dei due bambini, che viene giustiziato senza fare troppi drammi e con una certa sfrontata spavalderia : sembra pių un "bisteccone" da giornalini porno per gay che un padre vero (ricordiamo che il regista era un omosessuale).

Shelley Winters recita bene la parte della "buona" stupida che viene sposata solo per interesse da un uomo che si vuole poi sbarazzare di lei : proprio come nel film Lolita di Stanley Kubrick .

Molto inquietanti le figure del commerciante di paese e di sua moglie : sembrano lo stereotipo delle "brave persone" come in un'illustrazione edificante di Norman Rockwell, ma in realtā sono dei morti viventi, ciechi alla realtā, complici del Pastore psicopatico nell'abbandonare al loro crudele destino Shelley Winters e i suoi bambini : sono l'orrida " maggioranza silenziosa" pronta a osannare i demagoghi criminali , a linciare il barbone che vive sul fiume (e che čun buono autentico, anche se umiliato e offeso e vile), e sono pronti a linciare il Pastore quando questi viene scoperto e cade in disgrazia : sono lā, feroci, in prima fila con la corda del linciaggio in mano.

L'apparenza inganna.

Come dice il salmo : "Il Diavolo come leone ruggente va in giro cercando chi divorare".

Il Cacciatore corre nella Notte con le parole Amore e Odio incise sulle nocche delle mani omicide . I Bambini scappano lungo il Fiume , e , per loro, la Notte non č solo minacciosa (la silhouette del Pastore a cavallo contro la Luna) , ma č anche misteriosamente accogliente . Placida č la notte per i Bambini in fuga : č una fiabesca Madre Natura che li  fa dormire tra canti di grilli e gracidii di rane in un fiabesco pagliaio-grembo . Fiabeschi Mostri Buoni abitano presso il Fiume, simbolo della nostra vita che č un Mistero.

La vita č mistero non solo perchč l'apparenza inganna, ma perchč non c'č spazio per la previsione del proprio futuro.  La storia č vissuta dal punto di vista dei due Bambini : avrebbero potuto prevedere  che il proprio padre sarebbe stato arrestato e giustiziato ? prevedere che loro madre si sarebbe risposata con un prete pazzo ? prevedere che avrebbero dovuto lasciare casa e paesello ("Addio, monti sorgenti dalle acque...") e combattere per la sopravvivenza ? prevedere che una donnetta sola (vedova? zitella?) li avrebbe adottati, ormai del tutto orfani, e li avrebbe difesi come un Big Jim Marine o Rambo non avrebbe potuto fare ?

Misterioso č anche il film di Charles Laughton (l'unico come regista, in mezzo a decine come attore), film la cui lezione in negativo č chiara    :  "Imparate, Bambini, che non bisogna fidarsi delle apparenze". Ma la cui lezione in positivo č enigmatica : che fare ? vincolarsi agli affetti o distaccarsene ? mentire o dire la veritā a chi ti interpella ? essere fedeli alla missione affidata dal padre o buttare l'orsacchiotto in acqua ?

Forse questo : affidare la propria barchetta alle acque del Fiume , avere fede nel Fiume....

 

 

 

 

 

 

Franco Manni indice degli scritti

 

 

Maurilio Lovatti home page

Maurilio Lovatti main list of online papers