Franco Manni

 

 

Una produzione “avanti”, progredita... modello da da imitare per il futuro!

A Game of Thrones – 1° serie di Telefilm

 

 

 

 

 

 

La prima serie di telefilm A Game of Thrones trasmessa in aprile in USA dalla HBO e da novembre in Italia da Sky traspone sullo schermo le vicende narrate da George Martin nel primo libro della sua saga fantasy  A Song of Ice and Fire (nella traduzione italiana Mondadori corrisponde ai primi due libri della saga). Vorrei qui osservare di passaggio che gli appassionati italiani hanno potuto vedere su internet in lingua originale e con sottotitoli questi telefilm in contemporanea con la loro uscita in USA, e questo mi sembra ottimo, come modello, per ora molto minoritario, di ciò che sarebbe bello accadesse in Italia come già accade da tempo all'estero, e cioè poter vedere film, telefilm e documentari  in lingua originale!

Tanti anni fa Martin - prima di fare il romanziere -  ha fatto il regista e il produttore per la televisione, e adesso ha messo a frutto la sua precedente raffinata professionalità supervisionando  personalmente sceneggiatura, produzione e regie di questi telefilm di cui ora parliamo.

La prima cosa che vorrei dire è che non ho mai visto dei telefilm così belli … in qualsiasi genere! Voglio dire che – nell'arco della mia vita (ora ho 52 anni) - ho visto Rintintin, Zorro, Ai confini della realtà, Happy Days, Twin Peaks, X-Files,  Lost, Dottor House... recentemente I Borgia... ma questi di Martin svettano, per me - e di molto -  su tutti gli altri...

E, da amante del cinema e del fantasy quale io sono, voglio aggiungere che essi reggono bene il confronto – pur se, certo, nella diversità del format - con film come quelli del Signore degli Anelli !

C'è da dire che la saga di romanzi di Martin e dunque anche questa prima serie di telefilm si distacca da altre saghe fantasy come quelle di Tolkien, Harry Potter,  Narnia,  Queste oscure materie (la Bussola d'Oro), per non parlare di Eragon... per il suo carattere nettamente storico, in cui l'elemento fantasy c'è ma è assai poco a livello di quantità di pagine e capitoli e, direi, di setting o atmosfera generale. Martin ha soprattutto romanzato fatti, personaggi, ideali, abitudini e ambienti sociali del Tardo Medio Evo storico, e precisamente i secoli XIV e XV, con la Guerre dei Cento Anni e la Guerra delle Due Rose. Infatti io come insegnante di Storia a Liceo dico agli studenti che - se vogliono farsi una idea forte di cosa significava “Feudalesimo” nell'Europa che fu -  questi telefilm sono molto più profondi, esatti ed eloquenti di tutti i manuali scolastici di storia medievale e di quasi tutti gli studi monografici... (io sono uno  studioso... conosco le opere di Bloch, Huizinga, Braudel, Ginzburg, Pognon, Schama, Pirenne e tanti altri storici del Medio Evo... ma metterei sullo stesso piano di questi telefilm – per lo scopo appena  detto, e cioè  far capire cosa era il feudalesimo -  solo A Distant Mirror di Barbara Tuchmann).

Cosa era poi questo feudalesimo? Un tentativo di porre la Famiglia sopra lo Stato... dalla caduta dell'Impero Romano di Occidente per molti secoli la concezione del diritto pubblico romanista era rimasta anche se accanto a quella di nuova importazione germanica dello stato come “patrimonio di famiglia”... ma la concreta pressione delle  invasioni barbariche prima e poi il movimento dei Comuni e il Papato avevano moderato e tenuto a freno la pretese delle grandi Famiglie feudali di spodestare i Re e quindi i simboli incarnati del “bonum commune”.

Quando però finisce la (lunghissima) emergenza delle invasioni barbariche, quando i liberi Comuni per lotte intestine si trasformano in Signorie, quando il Papato viene umiliato dalla cattività Avignonese e dal lungo scandalo dello Scisma di Occidente, ecco che la Grandi Famiglie Feudali alzano la testa: è questo il Momento che offre loro la Storia!

È un mondo che fu... un mondo esattamente Pre – Moderno... non c'erano ancora le guerre su base “ideologica”, almeno in Europa (c'erano al di fuori di essa, con le Crociate). Cioè non c'erano ancora guerre basate sulle Idee, come tra Cattolici e Protestanti, tra Rivoluzionari Francesi/Napoleonici e Monarchi di Ancien Régime, tra Patrioti Nazionali e Imperi Plurinazionali, tra Nazifascisti, Comunisti e Democrazie Liberali... C'era solo – invece - la lotta ambiziosa e spietata tra le Famiglie …

Questo tema appare in quasi tutte le vicende della saga di Martin come setting generale, ma a volte anche come dichiarazione esplicita... nei telefilm segnalo una di esse, nel bellissimo dialogo tra Jaime Lannister e suo padre Tywin Lannister che sta scuoiando un cervo: il padre dice al figlio che non è importante la gloria dei  Popoli né quella degli Individui, ma solo quella della Famiglia...

Colgo qui lo spunto per dire che a mia opinione tante cose sono di alta fattura in questa serie, ma farei questa gerarchia: belle sono le Immagini, ma ancora più bella è la Trama delle vicende, questa è bella, sì, ma ancora di più lo è la Ambientazione Sociale del mondo rappresentato, e se questa è bella però più bella ancora è la scelta degli Attori per i Personaggi - attori molto adatti al loro ruolo e molto bravi nella recitazione -  e se questa cosa degli Attori attira e piace, però la cosa più bella di tutte sono la Sceneggiatura e i Dialoghi... tanti di essi... pensate a quello tra Cersei Lannister e Eddard Stark, e al dialogo tra questi e l'eunuco Varys, e quelli in cui è coinvolto Tyrion il Folletto....

Comunque, guardando gli attori mi viene da pensare a quale  abisso divida il cinema italiano da quello là statunitense ... non solo per i registi e gli sceneggiatori, ma anche per gli attori... i nostri mi sembrano finti, retorici, non credibili, tutti presi da sé stessi e non dal personaggio in cui dovrebbero incarnarsi..... quelli lì – invece - realistici ed espressivi e sobri e umani... Sean Bean per Eddard, Peter Dinklage per Tyrion, Michelle Fairley per Catelyn, Leda Headey per Cersei, Jack Gleeson per Jeoffrey... anche la linfatica “bambi”  Sophie Turner è perfetta per fare Sansa Stark...e la piccola espressiva  Maisie Williams per fare Arya... e il sardonico Aidan Gillen per Ditocorto!

Per le scenografie – sontuose, di alto budget – i film de Il Signore degli Anelli hanno fatto scuola... così come per le inquadrature e gli angoli di ripresa delle scene panoramiche e di azione... Le location e le loro particolari atmosfere sono molti differenziate e caratterizzate... basti pensare alla differenza tra il palazzo di Grande Inverno e quello di Approdo del Re...

La violenza non ha veli e direi ancora di più la crudeltà mentale e relazionale... lo si vede apertamente , realisticamente, e ci fa capire le profonde problematiche del cuore umano... come nelle scene della esecuzione di Eddard, dello “incidente” della caduta di Bran Stark, del duello a Nido dell'Aquila, del sadismo di Jeoffrey verso Sansa...

E così il sesso non ha veli... ma neanche idealizzazioni “patinate”... anche qui realismo, adattamento alla psicologia dei personaggi e alla situazione sociale dell'epoca... come nel libertinaggi “di palazzo” di Re Robert e a quelli “di viaggio” di Tyrion o al rapporto omosessuale tra Renly Stannis e Sir Loras... fino al sesso “terapeutico da badante” - mi verrebbe da dire- del vecchio (e abietto) Gran Maestro Pycelle...

Quale messaggio ci viene da A Game of Thrones ? Direi : un Mondo in cambiamento, che però persegue gli antichi ideali feudali – quasi essi fossero eterni ! -  e non si accorge delle Forze che premono per cambiarlo... una di esse è rappresentata dalla Regina dei Draghi, Daenerys, che viene Di Là dal Mare... l'altra dagli Estranei che vengono Di Là dalla Barriera del Nord... di questa seconda forza si accorgono solo i Guardiani della Notte, i quali sono una sorta di clero, di sacerdoti o monaci senza ambizioni mondane... per amore o per forza votati a una prospettiva di vita “diversa”...

La Regina dei Draghi e i Guardiani si alleeranno per sventare la minaccia senza nome degli Estranei?... non sappiamo ancora (la stessa saga dei romanzi è ancora in itinere...) !... però abbiamo come una intuizione o certezza morale che il Vecchio Mondo sarà spazzato via... Nulla dura per sempre! Anche se - in questa “aiuola che ci fa feroci” e cioè la nostra vita quotidiana, come diceva Benedetto Croce - siamo costantemente tentati di credere il contrario...

 

 

 

 

 

Franco Manni indice degli scritti

 

 

Maurilio Lovatti home page

Maurilio Lovatti main list of online papers